ciao!!

ciao!!

benvenuto nel mondo dei sogni..

tutti abbiamo un sogno!! il mio è quello di realizzare tutto (o quasi) quello che vedo nella realtà in scala 1:12!!

TU SEI IL VISITATORE NUMERO...

martedì 6 settembre 2011

IL TRULLO

Vi ho già parlato dei trulli, qualche tempo fa, ricordate??
Ebbene, stavolta vorrei andare un pò più nel dettaglio, quindi sedetevi comode, e prendete una tazza di thè... ah ah!

I trulli (dal greco tardo τρούλος, cupola) sono antiche costruzioni in pietra a secco coniche, di origini protostoriche, tipiche ed esclusive della Puglia centro-meridionale.


Nonostante nelle zone di sviluppo dei trulli, si rinvengano reperti archeologici di epoca preistorica, o fondazioni di capanne in pietra risalenti all'età del bronzo, non esistono trulli particolarmente antichi.
Questo sarebbe giustificato dal fatto secondo cui, piuttosto che provvedere alla riparazione dello stesso, in caso di dissesto, si preferiva abbatterlo e ricostruirlo, per motivi economici, riutilizzandone il materiale.
I trulli più antichi di cui ci resti traccia oggigiorno, sono stati costruiti nel XVI secolo a ridosso dell'altopiano pugliese della Murgia.


Il trullo presenta una forma approssimativamente circolare, sul cui perimetro si imposta la muratura a secco di spessore molto elevato.


Questa soluzione, purtroppo restringe enormemente gli spazi interni.
Ma c'è un vantaggio!
La quasi totale assenza di aperture, ad esclusione della porta d'ingresso.... 


...e, raramente, di un piccolissimo foro in alto, dotato di finestrino, che garantisce il ricambio di aria.... 


consente di conservare il calore all’interno, durante l'inverno, e le giornate più fredde.
Mentre in estate conserva il fresco, che le murature stesse hanno accumulato durante la stagione fredda, e che cederanno a poco a poco, fino alla seconda metà del mese di agosto.
Il tetto del trullo è costituito da una serie concentrica di lastre orizzontali, disposte a gradini rientranti sempre più, man mano che si va verso l'alto, in cui ogni giro completo è staticamente in equilibrio con quelli inferiori.
Questo strato interno di lastre calcaree di maggiore spessore, dette "chianche", è completato da quello esterno, costituente il vero e proprio tetto, formato da lastre più sottili, dette "chiancarelle". 
In questo modellino in scala, potete vedere i due strati di tetto.


La città di Alberobello, avendo un intero quartiere, coincidente con il centro storico cittadino, edificato integralmente con queste costruzioni, rappresenta a tutti gli effetti la "Capitale dei Trulli".
I Trulli di Alberobello sono stati dichiarati Patrimonio mondiale dell'umanità dall'UNESCO.


I trulli venivano soprattutto utilizzati dai pastori, come ricoveri temporanei, e dagli agricoltori come depositi di attrezzi, oltre che come riparo da improvvisi eventi meteorici. 


I letti (generalmente semplici pagliericci poggiati sul pavimento) erano collocati in alcove ricavate in nicchie, generate per gemmazione dalla muratura del trullo principale, e separate da questo tramite tende, che sopperivano, dati gli spazi angusti, alla funzione delle porte.


Alcuni trulli sono di fattura molto pregiata, e non si esclude che in talune epoche, possano aver rivestito ruoli importanti nella difesa del territorio dalle incursioni saracene.
Altri invece, sono molto più semplici.
Dal punto di vista dell'utilizzo degli spazi interni, il trullo è nato con un solo piano abitabile, quello terreno.
Tuttavia, per un migliore utilizzo degli angusti spazi, man mano che le famiglie crescevano, spesso si ricorreva alla soppalcatura di uno o più vani, allo scopo di allocarvi i giacigli per i figli, oppure di adibirli a ripostigli celati allo sguardo dei visitatori occasionali.


Alcune travi di legno, disposte trasversalmente in alto e tuttora visibili in alcuni trulli, non hanno mai avuto funzioni strutturali, ma hanno assolto piuttosto la funzione di appendere vivande, provviste, stoviglie, attrezzi... 


... in modo tale da tenerli ben sollevati da terra, soprattutto quando il pavimento era ancora in terra battuta, e veniva spesso condiviso, con grande promiscuità, da persone e animali domestici.


Lo spazio davvero ristretto, e la poca luce proveniente da quella che spesso era l'unica apertura, l'uscio dell'ingresso, ha determinato l'adozione di un accorgimento elementare, ma efficace, per dare agli ambienti profondità e luminosità allo stesso tempo: l'utilizzo di mobili dotati di almeno uno specchio (a tutta altezza, o come specchiere su credenze), collocati esattamente in posizione frontale all'entrata di ciascun trullo.


Si pensa che, in origine, i trulli fossero stati ideati in questo particolare tipo di modalità costruttiva, per evadere il pagamento delle tasse sulle case. 
Ci sono varie teorie in proposito. Una di queste, afferma che i Trulli venivano usati per comunicare mediante segnali di fumo, l'arrivo di eventuali controlli.
In quel caso, venivano letteralmente scoperchiati, in attesa di essere ricostruiti, una volta passato il pericolo.
Una diceria popolare vuole che, nell'approssimarsi della venuta del padrone, che chiedeva il pagamento del dazio per la residenza nel terreno, ai contadini bastasse tirare via una sola pietra, per far crollare tutta la costruzione, facendo apparire il tutto come un semplice cumulo di pietre....
(testo tratto da wikipedia )

ah ah!! Furbi i contadini, vero??
Quando ho descritto le mie vacanze a Ostuni, mostrando le foto dei Trulli di Alberobello, mai avrei immaginato, che a qualcuno sarebbe venuto in mente di costruire un trullo in miniatura!!
Ebbene, Ingrid lo ha fatto!!




Cosa spinge una simpatica e operosa signora del Belgio, a riprodurre un Trullo, in scala 1:12?
Forse la voglia di un viaggio?? Forse è stata incuriosita dalla strana forma conica della casa?
Non lo so, ma Ingrid mi ha fatto un enorme regalo, costruendo il suo mini - Trullo!
Perchè io sono orgogliosa di appartenere alla mia terra, e forse il trullo avrei dovuto costruirlo io, per prima!!
Come ho fatto a non pensarci? ah ah!!
Ho mandato a Ingrid un piccolo dono, prima di tutto per ringraziarla della sua idea grandiosa, e poi per far sì che il suo trullo contenesse degli oggetti provenienti dalla Puglia...


Un piccolissimo trullo, che Ingrid potrà usare come calamita, o come mini trullo in scala 1:144.
Una caraffa di terracotta dipinta, per mantenere al fresco il vino primitivo, sulla tavola.
Una forma di formaggio stagionato, il mitico "caciocavallo", da appendere alle travi del soffitto... ah ah!!
Per finire, un piccolo otre in terracotta, marrone, utilizzato per contenere le olive in salamoia, e così conservarle per tutto l'inverno.
I vasi di terracotta, li ho acquistati a Ostuni, da un abile artigiano ceramista, e poi li ho dipinti, seguendo i colori della tradizione.
L'otre è di un semplice marrone scuro, dipinto solo per metà, come quelli veri.
Mentre la caraffa, è colore bianco rosato, con minuscoli fiorellini blu.
Mia madre ne possiede diversi, tra piatti, brocche, e tazze, in scala 1:1, e spesso li usiamo a tavola quando abbiamo ospiti a pranzo.
Cliccate sulla prossima foto, per vedere come Ingrid ha posizionato i miei doni, nel suo Trullo. ah ah!
Grazie, Ingrid, è una grande emozione, per me!!


Queste ceramiche sono tipiche dell'Italia del sud, ma si adattano perfettamente in tutti gli ambienti country, anche nella case "stile Toscana"!!
Immaginate la mia sorpresa, quando li ho trovati in scala 1:12??
Ne ho acquistati alcuni pezzi, uno diverso dall'altro, alti in media un paio di centimetri, e prossimamente mi divertirò a decorarli.
Sono piccolissimi, ma tutti sono stati lavorati al Tornio!!!
Quindi, se qualcuno fosse interessato, mi scriva, e li metterò in vendita nel mio Etsy.
Ecco un esempio di ceramica tipica della Puglia, le famose "ceramiche di Grottaglie"!!









(Le immagini le ho trovate in internet. Se qualcuno fosse contrario alla pubblicazione su questo blog, me lo faccia sapere, e io le eliminerò. Grazie!!)
Bene, è tutto.
Perdonate se questo post è stato troppo lungo, spero di non avervi annoiato...
Chissà se queste immagini possano ispirare qualcuno di voi??
Grazie, Ingrid, grazie di cuore!!!

12 commenti:

  1. This was a really interesting and fun read, Caterina! Thank you for sharing!

    RispondiElimina
  2. Caterina, I love this post! I never get tired of looking at these houses. They are wonderful! I absolutely love the little Trullo magnet you found. It's way too cute!!! =)

    RispondiElimina
  3. I find this post really interesting. I have always been interested in architecture and since my Village House project, I became even more interested in traditional houses or dwellings.

    Thank you , Caterina for sharing all this information with us. It is not too long or boring at all.

    RispondiElimina
  4. E' sempre bello fare un giretto e scoprire nuovi angoli della nostra bella Italia!!!
    Diciamo che mentre leggevo il tuo post e guardavo le foto....ho fatto un "mini viaggio" nella tua meravigliosa terra!!!
    Grazie........ora vado a sistemare le valigie......ah...ah...!!!!
    Un bacio
    Patrizia

    RispondiElimina
  5. Caterina, un post simplemente maravilloso! Me ha encantado leerlo y enterarme de la historia el Trullo. Es fantástico conservar esas tradiciones de las que debemos sentirnor orgullosas. Gracias por enseñarnos también las cosas de cerámica. Aquí también las seguimos usando mucho y para las mismas cosas que vosotras ahí. Al fin y al cabo, buena parte de nuestras cosas y nuestras tradiciones provienen de ahí :-)
    Muchísimas gracias por esta clase magistral, me ha encantado.
    Un beso enorme,
    Maru

    RispondiElimina
  6. Lindas fotos! Agradeço por compartilhar.
    Um abraço

    RispondiElimina
  7. Un post fantastico, lleno de maravillosa informnacion y preciosas minis.
    Me encanta ese "trullo", genial.
    besitos ascension

    RispondiElimina
  8. Un articulo muy interesante, no tenia idea de estas construcciones y me ha encantado conocerlas. Muchas gracias por la explicacion y me han entrado muchas ganas de ir a visitarlas.
    La reproduccion de Ingrid es estupenda.
    Un beso

    RispondiElimina
  9. Je ne me suis pas ennuyée du tout e'n lisant cette histoire sur les Trulli , c'est très original comme architecture et bravo à Ingrid pour l'avoir réalisée au 1/12.

    RispondiElimina
  10. Hello Caterina, the making of the Trullo was really fun and a challenge. thanks to you I know a trullo. Quite an honor to watch my trullo on your blog. thank you
    a big hug
    Ingrid

    RispondiElimina
  11. Grazie Caterina per questa interessante e bellissima carrellata di informazioni "trullesche"!! bellissima anche la miniatura di Ingrid!!
    Un bacio
    Mariarita

    RispondiElimina
  12. This was so interesting, Caterina! I loved it!

    How cool to see one in mini, too. :)

    RispondiElimina

grazie del tuo commento!
thanks for your comment!
gracias por tu comentario!
Vielen Dank für Ihren Kommentar!
Kiitos kommentoida!
Merci pour votre commentaire!
Obrigado pelo seu comentário!

CIAO!!!!! :))
Caterina

La moderazione dei commenti è stata attivata. Tutti i commenti devono essere approvati dall'autore del blog.

Comment moderation has been enabled. All comments must be approved by the blog author.

La moderación de comentarios está habilitada. Todos los comentarios deben ser aprobados por el autor del blog.

che giorno è?

CHE TEMPO FA???

IL COMPLEANNO DEL MIO BLOG

IL MIO COMPLEANNO

DISCLAIMER

I miei lavori sono opera del mio ingegno e della mia creatività, dichiaro con la presente di non esercitare l’attività del commercio al dettaglio di detti articoli in forma professionale bensì di praticarla in modo sporadico (commercio occasionale) non soggetto quindi alla discipline commerciali contenute nel D. Lgs 114/98 il quale, viceversa, regola le attività di commercio in forma professionale e continuativa. Con la presente dichiaro quindi, ai fini dell’applicazione dell’art. 4 comma 2 lettera h del Decreto legislativo del 31 Marzo 1998 n. 114 di esporre e di porre in vendita, in maniera occasionale e saltuaria, prodotti che sono il risultato e l’opera della mia creatività ed ingegno, che rientrano quindi nell’art. 4 comma 2 del D. Lgs 114/98 e non essere obbligata, di conseguenza, ad iscrivermi in nessuno dei Registri (obbligatori per gli imprenditori commerciali professionali) presso nessuna Camera del Commercio del Territorio Italiano in relazione agli articoli trattati.

Molte delle immagini che vedete qui sono il risultato della mia creatività mentre quelle reperite da internet sono di proprietà dei rispettivi autori. L'utilizzo è a compendio del testo per una maggiore efficacia dell'informazione. Il link dove conosciuto è stato specificato (sia per le immagini che per i testi). Qualora qualche immagine dovesse involontariamente violare il copyright o l'autore ritenesse improprio l'uso, lo comunichi e l'immagine in questione verrà ritirata immediatamente o aggiunto il giusto link di riferimento. L'e-mail è nel mio profilo.

The use of images in this pages is for a better comprehension of texts. All the images are a link. If any pictures are copyright protected, they will be deleted from my blog upon notification.