ciao!!

ciao!!

venerdì 10 luglio 2015

Gita sulla costiera Amalfitana

Ciao a tutti, come state??? è passato troppo tempo per raccogliere in un unico post le cose accadute in questi mesi... e comunque non sono poi così interessanti... ah ah ah! ne parlerò in un altro momento....
Oggi vorrei invece raccontarvi la mia gita (di un solo giorno) a Amalfi, perla del Mediterraneo, meta turistica rinomata in tutto il mondo!!
Amalfi è stata una delle quattro potenti repubbliche Marinare, che nel Medioevo (839-1135) intrecciò relazioni feconde con altri Paesi, in particolare con l'Oriente.
Testimone del suo glorioso passato è il complesso monumentale del Duomo, che comprende il chiostro "Paradiso", la basilica del Crocifisso, la cripta di San Andrea e la Cattedrale.
Volete visitarli con me?


Il chiostro "Paradiso" è l'antico cimitero dei nobili di Amalfi realizzato tra il 1266 e il 1268.
Il chiostro racchiude un piccolo delizioso giardino, circondato da 120 esili colonnine che sostengono archi intrecciati dal forte sapore d'oriente.


Lungo la galleria sinistra del chiostro, sono esposti i resti degli antichi amboni bizantini della Cattedrale, preziosamente decorati con mosaici.


Proseguendo, sul lato nord possiamo ammirare il campanile della cattedrale, con la torre campanaria ornata di maioliche di stile moresco.


Nell'angolo destro del chiostro, c'è una piccola cappella con mirevoli affreschi in stile "giottesco" risalenti alla seconda metà del 300. Come potrete notare, è probabilmente in via di restauro...



Concluso il giro del chiostro, si accede alla basilica del Crocifisso, il cui nucleo originale risale al 596, dove è allestito un interessante museo che raccoglie antichi reperti religiosi, il "tesoro del Duomo" consistente in calici, mitre, croci tempestate di pietre preziose, ostensori in argento e pianete riccamente ricamate.


L'oggetto che ha attirato maggiormente la mia attenzione però è stata questa scatola, è un reliquiario di osso di bue, realizzato tra la fine del XIV e l'inizio del XV secolo.
Se guardate con attenzione, è decorata con scene di vita e martirio dei santi Cosma e Damiano, perchè conteneva le loro reliquie.


Un altro oggetto curioso presente nel museo, è una rara lettiga da viaggio, di cui si servivano i vescovi: è un cimelio finissimo del XVIII secolo!!


Prima di uscire dalla Basilica del Crocifisso, che in origine era la vecchia Cattedrale, ho fotografato questa dolcissima madonna, un affresco senese del Trecento, vicina all'accesso alla sottostante cripta.


La cripta è il cuore di Amalfi, perchè qui si conservano il capo e le altre ossa di Sant'Andrea, il primo discepolo di Gesù.
Dopo aver evangelizzato la Grecia fino a spingersi all'odierna Russia, il Santo fu crocifisso a Patrasso.
Di lì il suo corpo fu trasportato prima a Costantinopoli e successivamente ad Amalfi durante la IV crociata, dove giunse l'8 maggio 1208 e nascosto nella cripta, fatta costruire per l'occasione dal cardinale Pietro Capuano.
Dalle ossa del santo da ben 750 anni si raccoglie la "manna", un liquido denso che è sempre comparso sul sepolcro dell'apostolo, sia a Patrasso che a Costantinopoli.
Per gli abitanti della città marinara è un segno di intensa spiritualità.
Chi poi ha la fortuna di visitare la città nei giorni del 27 giugno e del 30 novembre, ha anche l’occasione di partecipare allegramente, insieme alla comunità, alla festa dedicata al Santo patrono Andrea, protettore dei pescatori. Entrambe le date sono legate alla figura del santo: il 30 novembre si celebra la morte avvenuta nel 60 d.C., il 27 giugno si festeggia l’anniversario del miracolo a lui attribuito del 1544, quando salvò la città dall’invasione dei pirati, scatenando una violenta tempesta nel porto.
La statua di "o’ vecchio" è portata da una congregazione in processione lungo la città fino a giungere in spiaggia, dove ci sono i pescatori ad aspettarla. Per omaggiare il Santo, i pescatori gli donano pesce, lo prendono in spalla e lo portano di corsa verso il Duomo.
E’ proprio in questo momento che si verifica il miracolo di Sant’Andrea con la fuoriuscita dalla tomba, che ne conserva le reliquie, della manna.
E’ un esplosione di gioia, tutti si abbracciano nei festeggiamenti che terminano a notte fonda con gli spettacolari fuochi pirotecnici.


La cripta si presenta oggi nella forma barocca voluta nel 1600 dal re di Spagna Filippo III.


La volta è affrescata e decorata con stucchi, mentre l'altare centrale accoglie la grande statua di bronzo del Santo Andrea, alta oltre due metri, che ricorda un pò il Mosè del Michelangelo!


Risalendo dalla seconda scala della cripta, si entra nella Cattedrale, costruita nel 1100, attigua alla basilica del Crocifisso.
Un tempo erano unite a formare un'unica chiesa di stile romanico a sei navate, successivamente furono separate e distinte.
Nel 1994 il restauro della "basilica del Crocifisso" ha eliminato la veste barocca, riportando alla luce lo stile medioevale.
La veste barocca rimasta intatta invece nella Cattedrale è veramente sontuosa, con i suoi marmi policromi, il ricco soffitto a cassettoni, e grandi tele risalenti ai primi del 1700, esposte nelle navate laterali, rappresentanti il martirio di san'Andrea.




Purtroppo molte foto non ho potuto farle per mancanza di luce e il flash era vietato!!
Accontentatevi di queste poche...
In una delle nicchie laterali si conserva la bara di Gesù morto, che viene portata in una suggestiva processione la sera del Venerdì Santo.



Nell'atrio della Cattedrale si possono ammirare la prime porte di bronzo, portate in Italia da Costantinopoli. Sono il dono di Pantaleone, un potente nobile di Amalfi.



Dalla piazza antistante il Duomo non sono riuscita a fotografare il totale della maestosa Cattedrale, a cui si accede da una lunghissima scala!!


Di fronte alla scala della Cattedrale c'è una fontana, utilissima per rinfrescarsi...


Amalfi oggi è una piccola città marinara, che conserva nei suoi stretti viottoli il fascino di un glorioso passato.


Incastonate come conchiglie sulla roccia, oltre ai soliti negozi di souvenir, ho trovato molte curiosità! Un presepe in una fontana


un altro presepe in una stradina



botteghe artigiane con splendide, coloratissime terracotte


negozi di leccornie alimentari, come peperoncino lasciato all'aria a seccare


frutta fresca che spandeva il suo profumo per le strade... e naturalmente anche liquori artigianali ricavati appunto dalla frutta


e limoni, tanti limoni enormi


che ci hanno spinto a entrare in una gelateria, per gustare un ottimo sorbetto al limone!!!


Era tanto tempo che desideravo visitare Amalfi, è stato davvero piacevole trascorrere una giornata qui!



La mia breve gita è stata interessante e produttiva, avevamo programmato di fare anche il bagno ma è stato difficoltoso trovare un accesso al mare, perchè la strada litoranea è stretta e non consente la sosta delle auto.


Quasi un'ora di strada tortuosa, da Salerno, con curve a gomito e a volte anche pericolose


ma il panorama è stato mozzafiato!!


Mi scuso per il post così lungo ma spero di avervi incuriosito... e vi invito a trascorrere le vacanze in Italia, un Paese ricco di storia, di antiche tradizioni e di paesaggi meravigliosi!!
Buone vacanze a tutti!!


domenica 5 aprile 2015

BUONA PASQUA!!

Cari amici vicini e lontani, lo so che sto trascurando il blog.... sembra addormentato!!
Ma vi assicuro che sto lavorando a un nuovo progetto!
Ogni tanto è bene cambiare... vero??
Spero di mostravi qualcosa nel prossimo post, abbiate pazienza...


Nel frattempo, vi giungano i miei più affettuosi auguri di

BUONA PASQUA!!

giovedì 5 marzo 2015

MINIATURITALIA… non c’è due senza tre!



È già passato un mese dalla mia terza avventura a Miniaturitalia e dopo aver raccolto le idee sono finalmente qui, a fare il resoconto di una esperienza unica, che ogni anno mi regala tante emozioni…
Ho aspettato a scrivere perché volevo essere lucida nei miei pensieri, per cercare di trasmettervi quello che ho vissuto, senza dare giudizi affrettati dettati dall’impulsività che mi contraddistingue.
Questa volta non ci sono state peripezie comiche inerenti il viaggio e l’acquisto del biglietto, come per gli anni passati, ma l’intoppo c’è sempre! 
E giusto per perpetuare la tradizione, Cockerina ha dovuto affrontare ancora una volta un ostacolo: ormai il tavolo era prenotato, il biglietto del treno pagato, le previsioni del tempo non erano catastrofiche, sembrava quindi che tutto potesse andare per il meglio, ma… poteva mancare l’appuntamento con la sfiga?? Certo che no!!
A novembre, appena qualche giorno dopo l’iscrizione alla fiera, che raccoglie artisti miniaturisti da tutta Italia e che richiama collezionisti e curiosi da tutta Europa, Cockerina ha avuto un improvviso, inaspettato malessere fisico, che ha messo in dubbio la partecipazione alla fiera stessa!
Dando per scontato che non ce l’avrebbe fatta a risolvere il problema per tempo, sfiduciata e affranta, la nostra eroina ha lavorato poco e male, le miniature erano il suo ultimo pensiero, non si è impegnata più di tanto per preparare il tavolo.
Ma la voglia di andare a Milano per la terza volta, a incontrare amiche vecchie e nuove, l’ha convinta a tentare comunque e a sopportare il dolore fisico e il malessere psicologico, fino alla data di partenza…


La sera dell’arrivo a Milano, appena fuori la stazione, ho immediatamente riconosciuto Annina, la figlia di Eleonora che sarebbe stata la compagna di tavolo di questa edizione. 
L’incontro è stato sorprendente, pensate: sentirsi chiamare per nome in una città lontano da casa, da una signora imbacuccata che non hai mai visto in vita tua, e che ti saluta con tanto affetto, deve essere stato per la ragazzina una esperienza strana, vero??? Ahahah! 
Perdonami Annina, è stato davvero molto bello conoscerti di persona, vedere da vicino il tuo sorriso splendente e quegli occhi così vivaci e luminosi!!
L'ho preso come un segno di buon auspicio...
Arrivata all’Hotel Michelangelo, nemmeno il tempo di posare la valigia, Cockerina ha avuto un altro incontro emozionante: Manuela, Roberta e Eleonora erano lì che l’aspettavano per la prima cena, quattro chiacchiere per sentirsi a proprio agio e dare il via a un sacco di progetti per il giorno dopo.
Com’è strano riconoscersi “a pelle”!!
Dopo tanto chattare su FB sembra di conoscersi da una vita, il viso della persona lo riconosci immediatamente, anche se non lo avevi mai visto prima, se non in foto…
Già in quel momento l’adrenalina si è fatta sentire, immaginate cosa è successo quando la sera stessa una cara amica è venuta a trovarci in camera, per un “cioccolata party”!!
Francesca, una simpaticissima signora Italiana trapiantata a Lussemburgo, ha costretto suo marito a accompagnarla in Italia, con la scusa della Fiera, per poter conoscere noi!! Commovente!! 
Ci siamo divertite molto… speriamo di non aver arrecato disturbo ai vicini di camera… ahahah!


I due giorni seguenti, sabato e domenica, si è svolta la fiera, con grande affluenza di pubblico!
Un flusso continuo di curiosi, e di amici che sono passati per un saluto.
Questo è il tavolo di Cockerina, tutto colorato!! 


Con tutti quei girasoli voleva essere un invito alla bella stagione e come potete vedere, ci sono state delle novità: piccoli divani rimessi a nuovo, in uno stile diverso, fuori dai soliti schemi… 


Il Pinocchio è opera naturalmente di Fabio Emil Antimi, che unisce la sua inimitabile arte di falegname alla poesia con cui presenta sempre le sue opere, le immagini che pubblica sono una gioia per gli occhi e il cuore, date un’occhiata nella sua pagina FB!!
Sul tavolo di “Le Minis di Cockerina” erano presenti anche i balconi in ferro battuto di Antonio Malacario, un gentilissimo insegnante in pensione, presepista per hobby, artigiano sopraffino, che realizza manufatti in ferro, in qualsiasi scala.


Molti visitatori si sono soffermati anche ai tavoli vicini, dove esponevano Piperyta Patty che ha portato in fiera bellissimi ambienti e quilt


e Manu, specializzata in letti e camere per bambini



Mentre subito “dietro l’angolo” c’erano le new entries Franca con Roberta e Martina


e Giusy, con Greta e Serena


Erano tutte emozionate come bimbe al primo giorno di scuola, spero che questa loro prima esperienza a Miniaturitalia rimanga una nota positiva della loro vita.
Tantissimi acquirenti sono passati al tavolo di Eleonora, che ha avuto la brillante idea di produrre in scala 1/12, un piatto tipico regionale per ciascuna regione d’Italia e molti piatti tipici di alcuni Paesi del mondo!


Questa originalità l’ha gratificata con la vincita del premio per il “tavolo più bello”!!
Pensare che Eleonora, presa dall’ansia per la sua prima partecipazione, all’ultimo momento quasi non voleva più venire a Milano!! Hahaha!! Brava Eleonora, come vedi, non bisogna mai arrendersi…


Non vi racconto molto degli altri tavoli nelle sale perchè praticamente non ho visto nulla!!
Ho girato poco, giusto il tempo di salutare vecchie amiche, e conoscere le nuove… per ciascuna di loro va un pensiero positivo e la speranza di ritrovarsi al prossimo anno!!


Queste sono foto di gruppo scattate nei due giorni della fiera e rappresentano una parte di iscritte al Gruppo “Casa di Bambola –miniature e divertimento” su FB, di cui faccio parte… siamo oltre 600, tutte italiane!


Questa foto in particolare, mi è molto cara!
Eccomi insieme al Maestro Andrea Coronella, eccellente cantante lirico, (apprezzo molto la sua voce cristallina e soave, ascoltare una romanza cantata da lui nutre l’anima…) che si diletta con le miniature in Fimo, e a Francesca, la simpatica amica del Lussemburgo che mi ha portato tanti piccoli omaggi, il più gradito un “dulce di leche” che mangio la sera, a cucchiaiate, davanti al PC … ahahah!
Il viaggio di ritorno a casa in treno lo abbiamo fatto insieme, sfogliando l'album di foto che Francesca ha scattato in Fiera, e per il quale è stata eletta all'unanimità Fotoreporter del Gruppo!!


In questa altra foto sono con Eva!!!
Ci conosciamo da tanto tempo attraverso il blog, ma è stata la prima volta che ci siamo incontrate da vicino... peccato non saper parlare lo spagnolo, ma gli sguardi lasciano intendere tutto, vero?
Eva, è stato un piacere!!


Strano come a volte ci si trovi davanti alle persone e senti di averle care, come se le conoscessi da sempre, e vuoi per loro il bene assoluto…
Cockerina ha incontrato tante amiche in fiera, raccolto le loro testimonianze di vita, ascoltato le loro disavventure.
- c’è chi ha perso il lavoro, perché per affrontare spese importanti ha dovuto chiudere un’attività…
- chi il lavoro invece lo cerca adattandosi a fare di tutto, anche se molto sotto le proprie aspirazioni, perché deve mantenere la famiglia…
- chi ha già grossi problemi di salute e si sente dare notizie disarmanti, alle quali non sai come reagire…
- chi è amareggiato per un litigio, chi è deluso da persone che reputava amiche…
Ma non solo notizie negative! C’è anche chi ha scoperto che il ballo ti aiuta a vivere meglio, e chi ha la giornata talmente piena di impegni, che non si capisce dove trovi il tempo per fare anche le miniature, eppure lo vedi sorridere felice!!
Persone straordinarie, con cui è stato piacevole parlare, avere un contatto fisico, sentire dal vivo la voce!
Cockerina ha raccolto tutto questo nel suo cuore, manterrà queste testimonianze come gemme preziose in un "giardino segreto", un bel giardino, grande e pieno di fiori colorati, uno diverso dall’altro, ciascuno con un suo profumo.
Fiori delicati ma resistenti alle intemperie, “fiori di acciaio” con radici forti, una propria stagione per sbocciare, crescere e appassire... ma sempre con l’augurio che ci sarà una rinascita per tutti loro.
Il sole splende sempre oltre le nuvole e prima o poi tornerà a rischiarare le loro vite!!! Coraggio!!


Ma, come in tutti i veri giardini ci sono sempre le erbacce da sradicare, anche nel giardino di Cockerina ci sono piante infestanti e malefiche, che avvelenano quanto di buono c’è nella vita di ciascuno di noi.
Piccole “stelle comete” che non conoscendoti, non sapendo nulla di te e di quanto hai fatto finora, si permettono di giudicarti e di darti appellativi che onestamente non senti di meritare!
Sono quelle persone che ti bloccano su FB senza darti la possibilità di avere un chiarimento e che si limitano a dirti che “non rientri nei loro canoni di scelta delle amicizie, perché (secondo loro) non sei né brava né meritevole”…
A queste persone stolte, consiglio di guardare in questo blog e vedere le cose che ho detto e che ho fatto, in tutti questi anni, con le miniature e con la gente.
Certo non è stato difficile come incollare tra loro perline e pezzi di penna per farne mini argenteria, ma io posso sempre imparare, loro non so… ah ah ah!!
Un amico mi ha detto che quella di quest’anno è stata la più bella edizione di Miniaturitalia.
Ecco, escludendo il fatto che molti erano ammalati, con un occhio pesto, o una mano fuori uso, posso dire anche io che è stata una bella esperienza, perché ho conosciuto persone meravigliose che mi hanno dimostrato tanto affetto!
... e per questo sono grata agli organizzatori di questa bellissima Fiera, che ci dà la possibilità di realizzare tanti sogni e di abbracciare tanta umanità!
E sono grata soprattutto a tutti voi, che da 5 anni e mezzo leggete ancora questo blog, i miei pensieri e le mie avventure tragicomiche.. ah ah ah!
Spero di continuare a godere della vostra piacevole compagnia ancora a lungo!
E invece, col tempo le stelle comete precipitano, scomparendo nel buio dell’infinito… e le piante infestanti, una volta sradicate, muoiono…

Alla prossima!!


che giorno è?

CHE TEMPO FA???

IL COMPLEANNO DEL MIO BLOG

IL MIO COMPLEANNO

DISCLAIMER

I miei lavori sono opera del mio ingegno e della mia creatività, dichiaro con la presente di non esercitare l’attività del commercio al dettaglio di detti articoli in forma professionale bensì di praticarla in modo sporadico (commercio occasionale) non soggetto quindi alla discipline commerciali contenute nel D. Lgs 114/98 il quale, viceversa, regola le attività di commercio in forma professionale e continuativa. Con la presente dichiaro quindi, ai fini dell’applicazione dell’art. 4 comma 2 lettera h del Decreto legislativo del 31 Marzo 1998 n. 114 di esporre e di porre in vendita, in maniera occasionale e saltuaria, prodotti che sono il risultato e l’opera della mia creatività ed ingegno, che rientrano quindi nell’art. 4 comma 2 del D. Lgs 114/98 e non essere obbligata, di conseguenza, ad iscrivermi in nessuno dei Registri (obbligatori per gli imprenditori commerciali professionali) presso nessuna Camera del Commercio del Territorio Italiano in relazione agli articoli trattati.

Molte delle immagini che vedete qui sono il risultato della mia creatività mentre quelle reperite da internet sono di proprietà dei rispettivi autori. L'utilizzo è a compendio del testo per una maggiore efficacia dell'informazione. Il link dove conosciuto è stato specificato (sia per le immagini che per i testi). Qualora qualche immagine dovesse involontariamente violare il copyright o l'autore ritenesse improprio l'uso, lo comunichi e l'immagine in questione verrà ritirata immediatamente o aggiunto il giusto link di riferimento. L'e-mail è nel mio profilo.

The use of images in this pages is for a better comprehension of texts. All the images are a link. If any pictures are copyright protected, they will be deleted from my blog upon notification.