ciao!!

ciao!!

benvenuto nel mondo dei sogni..

tutti abbiamo un sogno!! il mio è quello di realizzare tutto (o quasi) quello che vedo nella realtà in scala 1:12!!

TU SEI IL VISITATORE NUMERO...

lunedì 16 aprile 2012

TITANIC... 100 ANNI DOPO

Questa sera per l'ennesima volta, ho rivisto in TV il film più bello in assoluto, che ancora una volta è riuscito a emozionarmi, non solo per la storia d'amore appassionante tra Rose e Jack, ma soprattutto per la angosciante disavventura degli oltre 1500 passeggeri, vittime del naufragio della nave più bella e famosa al mondo: il Titanic, la nave dei sogni, della speranza, della vita nuova, della tragedia, della rinascita. 


Pochi film, come questo, sono riusciti a scalfire il mio cuore, duro e poco avvezzo al romanticismo.
Ma questa storia straordinariamente affascinante, e al contempo così crudelmente realistica, mi fa pensare che la realtà spesso supera la fantasia.
Pensare che le persone a bordo del gigante, che li avrebbe portati a realizzare il sogno della loro vita, una nuova vita in America, nel periodo in cui la miseria costringeva molta gente a lasciare la propria terra natia, per un mondo nuovo in cui avrebbero potuto trovare migliore fortuna, sono morte proprio a bordo di quel "gigante buono", mi stringe il cuore!
Quante famiglie distrutte, quante donne e bambini, sono morti assiderati in fondo all'oceano, nel cuore della notte.. è spaventoso!!!


Ogni volta che rivedo questo film mi arrabbio, con la società, fatta di uomini e donne ricchi e viziati, dell'epoca d'oro dei primi del secolo, che per un posto in prima fila nelle scialuppe di salvataggio, hanno calpestato i sogni e la vita stessa di tutti gli altri passeggeri, di seconda e terza classe, e tutto l'equipaggio che pure li ha messi in salvo!
Mi arrabbio per la superficialità con cui si è dato per "inaffondabile" una nave così grande, solo per mantenere il prestigio della casa costruttrice, la White Star Line.
Mi arrabbio per i mancati soccorsi, e per lo spreco di spazio a bordo delle scialuppe di salvataggio!!
Quanta gente, se fosse stata tratta in salvo, potrebbe oggi raccontare la storia?


Alle ore 2:40 am del 15 Aprile 1912 l’inaffondabile transatlantico R.M.S. Titanic della White Star Line, scompare in fondo all’oceano Atlantico settentrionale, 375 miglia a sudest di Newfoundland (Canada), due ore e 40 minuti dopo la collisione con un iceberg.
Muoiono 1514 persone fra passeggeri della seconda e terza classe, ed equipaggio.
La tragedia si era consumata poco prima della mezzanotte senza luna del 14 Aprile, quando il Titanic speronò una montagna di ghiaccio.


Viene lanciato per la prima volta nella storia il famoso segnale radio SOS in codice Morse, l’equivalente abbreviato di “Save Our Souls” in inglese, ossia “Salvate le Nostre Anime”.
Intorno alle 4 del mattino, il transatlantico Carpathia, la prima imbarcazione giunta sul luogo a tutta velocità dopo l’SOS del Titanic, recuperò poco più di 712 sopravvissuti su un totale di 2.300 naviganti tra passeggeri ed equipaggio. 
Grazie alla radio di Gugliemo Marconi, e grazie al segnale radio lanciato dai marconisti del Titanic, il bilancio finale della tragedia, seppur grave, registrò dei superstiti.
La leggenda sulle incredibili ricchezze, custodite nella stiva del Titanic, innescò il meccanismo favolistico, alimentando le idee di quanti avrebbero voluto recuperarle. 
Subito dopo la tragedia, di parlò, e si scrisse, di una quantità imprecisata di tesori e di segreti, custoditi in quella gelida tomba: lingotti d’oro, una mummia egizia maledetta, ufo, alieni e misteriose sostanze connesse con l’energia nucleare.
In realtà, a bordo c’erano un’auto di lusso, porcellane, dipinti, libri, e gioielli delle signore di prima classe. Finora mai recuperati. 
Fra i rottami sparsi, i decori in bronzo di una panchina testimoniano la leggendaria eleganza del transatlantico. Simbolo di maestria industriale a buon mercato, il Titanic ora è un ammasso di ferraglia arrugginita.


Il relitto è un monumento funebre da rispettare! 
Il vero tesoro, è la documentazione fotografica sullo stato del Titanic, i cui resti sono in rapido deterioramento, e deve essere custodito a memoria della tragedia.
Sul fondo dell’oceano, la nave continua inesorabilmente ad affondare, in balia di diversi fattori di deterioramento. Il Titanic, un tempo lungo 270 metri, è un lauto banchetto per gli organismi marini.
Molte strutture del Titanic sono d’acciaio, ma i microorganismi che lo attaccano, stanno ri-trasformando l’acciaio in ferro grezzo. 
Una volta digerito dai microbi, il ferro entra nell’ecosistema oceanico, per finire nel flusso sanguigno degli animali, o nella composizione chimica delle piante che lo usano per la fotosintesi. 
Pensate, gli stessi atomi delle povere vittime di un secolo fa, potrebbero già essere finiti nei pesci e, quindi, sulle tavole di tutto il mondo! 


Ho letto sul web che oggi, a distanza di un secolo esatto, da Belfast a New York, passando ovviamente per l'Oceano Atlantico, dove cento anni fa affondò, in meno di tre ore, il transatlantico Titanic, numerosi eventi ricordano il più celebre naufragio della storia.
Per onorare le oltre 1.500 vittime, corone di fiori e un minuto di silenzio, nel momento in cui il gigante del mare urtò, per poi inabissarsi, si è tenuto in mezzo al Nord Atlantico, proprio sopra al relitto del Titanic, 640 chilometri da Terranova.


I passeggeri della nave da crociera "MS Balmoral", che partita l'8 aprile 2012 da Southampton, in Inghilterra, ha seguito la stessa rotta della nave che non raggiunse mai la destinazione finale, New York, sono rimasti in silenzio quando un fischio avvisava che erano le 23:40, ora in cui il Titanic, il 14 aprile 1912, si scontrò con l'icerberg.
Tutti in silenzio, circondati dal buio, riporta la Bbc, sui ponti di Balmoral MS. 
A bordo ci sono 1.309 passeggeri, esattamente lo stesso numero di coloro erano in viaggio sulla nave del 1912 (Miles Morgan ha impiegato 5 anni per organizzare questa crociera commemorativa, nelle intenzioni il più "autentica" possibile all'originale). Tra questi, molti parenti delle vittime del Titanic.... Che nel freddo del nord Atlantico, avranno ripercorso nella memoria i tragici momenti vissuti dai loro cari. 
Uno dei passeggeri ha descritto l'atmosfera "quasi spettrale" sul ponte, in quel silenzio tombale. 
Un'altra nave da crociera, Azamara Journey, partita da New York, ha raggiunto la Balmoral sul luogo del disastro.
Sulla MS Balmoral i passeggeri hanno pagato fino a 7.265 euro per le 12 notti del viaggio commemorativo, con menu che riproducono quelli originali del 1912, e l'orchestra che esegue i brani suonati dalla banda del Titanic, come il celebre 'Nearer my God to thee' che segnò l'epilogo della tragica vicenda.
(testo tratto da Tiscali.notizie)


La storia del Titanic è l’esempio perfetto di come, in qualsiasi tragedia, affiori il meglio e il peggio dell’Uomo: il valore, il coraggio, la codardia, il sacrificio, l’onore. 
È un monito alla presunzione umana, alla miopia di chi, schiacciando i più deboli, si reputa potente e invincibile, sperando di cadere in piedi.
Io mi unisco al dolore dei parenti delle vittime del naufragio, e chiedo anche a voi, di osservare un minuto di silenzio, a loro ricordo.
Grazie.

8 commenti:

  1. L'ho visto anch'io!! E come sempre mi emoziono, quella di Jack e Rose è una storia inventata, ma se penso a tutte le persone che si sono dovute separare e che hanno visto morire i rispettivi compagni mi si stringe il cuore. Spesso le più grandi tragedie sono causate da piccole disattenzioni, ma l'altra sera ho visto un documentario nel quale si affermava che probabilmente gli uomini di vedetta, su nella coffa, non hanno visto l'iceberg non perchè sprovvisti di binocoli, ma per un miraggio causato dalle condizioni climatiche. In pratica si diceva che le temperature si alzavano e abbassavano bruscamente in quella zona dell'atlantico e questo altera la visione dell'orizzonte che appare più alto rispetto a quello vero, ragion per cui a distanza gli uomini non potevano vedere l'iceberg se non prima di averlo vicinissimo. Se è vera questa teoria è stato solo uno scherzo crudele del destino, e nessuno ha colpa.

    RispondiElimina
  2. Grazie per questo bellissimo post così pieno di informazioni. Anche io amo questo film e anche io mi commuovo sempre con lacrime di rabbia. Piango quando due signori in là con gli anni si abbracciano sul letto aspettando la morte, quando una madre racconta una storia ai figli per farli addormentare, sapendo che non si sveglieranno più. E' una tragedia che mette i brividi, ed è proprio vero che in simili situazioni esce fuori il peggio del peggio o il meglio del meglio delle persone. Come una delle vittime del Concordia, un giovane musicista morto per aver lasciato il posto nella scialuppa ad una bambina, e di contro, il capitano della nave, fuggito lontano dalle sue responsabilità. Immagino che emozione abbiano provato i passeggeri della "MS Balmoral" nell'onorare le vittime proprio sopra di loro, immagino che abbiano sentito riecheggiare nel buio dell'oceano le loro lacrime e le loro preghiere disperate. Condivido il tuo invito al momento di silenzio.

    RispondiElimina
  3. Mely, io non sono arrabbiata per la colpa dell'incidente, troppe cose sono andate storte, evidentemente era destino... io sono arrabbiata per il dopo, quando avrebbero potuto fare di più, per salvare più persone, e invece i "signori" inglesi si sono tenuti ben larghi sulle scialuppe, da veri razzisti!!

    RispondiElimina
  4. Eleonora, la coppia di anziani è vissuta realmente, l'ho letto proprio ieri sul web, e la scena della mamma che fa addormentare i figlioletti è quella che mi ha toccato di più.
    la cosa che mi fa davvero imbestialire è che tutti gli emigranti sono stati chiusi a chiave, per evitare che salissero a occupare le scialuppe di salvataggio destinate ai "ricchi signori della borghesia inglese"!

    i due protagonisti della Concordia di cui parli saranno marchiati a vita, il primo per il suo eroismo, il coraggio, la bontà...
    il secondo, il capitano Schettino, per la sua vigliaccheria, la mancanza di palle, la sua arroganza nel voler fare la manovra azzardata, la sua ipocrisia quando ha telefonato che era già in salvo, la sua immoralità perchè voleva portarsi a letto quella donna invece che badare alla nave, la sua infantilità perchè ha cercato di negarlo... devo continuare??

    RispondiElimina
  5. A very impressive post! We experience this tragedy over and over every time the subject of the titanic arises.
    Hugs

    RispondiElimina
  6. I am so glad we are celebrating the 100th anniversary this year as my nephew is crazy about the titanic since before. :) Thank you for sharing more of it here.

    I am sending out the parcel today. Just making sure you have not changed your address? :)

    RispondiElimina
  7. Un fantastico post.
    Parece mentira que un barco tan grande y tan "bien hecho" (segun ellos....), sufriese esa catastrofe.
    Me ha encantado leerlo.
    besitos ascension

    RispondiElimina
  8. Hi Caterina!! An very impressive story, thanks for sharing it. I do not get updates from your posts:still bloggerproblem? How is it with the birds, are they not yet arrived? If not, let me know, so I will contact the helpdesk from the Dutch mail. It is over 2 weeks now....:(
    Un bacio, Ilona

    RispondiElimina

grazie del tuo commento!
thanks for your comment!
gracias por tu comentario!
Vielen Dank für Ihren Kommentar!
Kiitos kommentoida!
Merci pour votre commentaire!
Obrigado pelo seu comentário!

CIAO!!!!! :))
Caterina

La moderazione dei commenti è stata attivata. Tutti i commenti devono essere approvati dall'autore del blog.

Comment moderation has been enabled. All comments must be approved by the blog author.

La moderación de comentarios está habilitada. Todos los comentarios deben ser aprobados por el autor del blog.

che giorno è?

CHE TEMPO FA???

IL COMPLEANNO DEL MIO BLOG

IL MIO COMPLEANNO

DISCLAIMER

I miei lavori sono opera del mio ingegno e della mia creatività, dichiaro con la presente di non esercitare l’attività del commercio al dettaglio di detti articoli in forma professionale bensì di praticarla in modo sporadico (commercio occasionale) non soggetto quindi alla discipline commerciali contenute nel D. Lgs 114/98 il quale, viceversa, regola le attività di commercio in forma professionale e continuativa. Con la presente dichiaro quindi, ai fini dell’applicazione dell’art. 4 comma 2 lettera h del Decreto legislativo del 31 Marzo 1998 n. 114 di esporre e di porre in vendita, in maniera occasionale e saltuaria, prodotti che sono il risultato e l’opera della mia creatività ed ingegno, che rientrano quindi nell’art. 4 comma 2 del D. Lgs 114/98 e non essere obbligata, di conseguenza, ad iscrivermi in nessuno dei Registri (obbligatori per gli imprenditori commerciali professionali) presso nessuna Camera del Commercio del Territorio Italiano in relazione agli articoli trattati.

Molte delle immagini che vedete qui sono il risultato della mia creatività mentre quelle reperite da internet sono di proprietà dei rispettivi autori. L'utilizzo è a compendio del testo per una maggiore efficacia dell'informazione. Il link dove conosciuto è stato specificato (sia per le immagini che per i testi). Qualora qualche immagine dovesse involontariamente violare il copyright o l'autore ritenesse improprio l'uso, lo comunichi e l'immagine in questione verrà ritirata immediatamente o aggiunto il giusto link di riferimento. L'e-mail è nel mio profilo.

The use of images in this pages is for a better comprehension of texts. All the images are a link. If any pictures are copyright protected, they will be deleted from my blog upon notification.