ciao!!

ciao!!

benvenuto nel mondo dei sogni..

tutti abbiamo un sogno!! il mio è quello di realizzare tutto (o quasi) quello che vedo nella realtà in scala 1:12!!

TU SEI IL VISITATORE NUMERO...

domenica 22 settembre 2013

INCONTRI RAVVICINATI DEL TERZO TIPO....

Ciao a tutti!!! Come state???
Scusate l'assenza prolungata, ma mi sono parecchio impigrita in questo ultimo mese, e ho prodotto poco, nella rilassatezza totale...
L'estate volge al termine, le scuole sono iniziate, si torna piano piano alla normalità.
Così, spero di essere un poco più presente in futuro, e di aggiornare pià spesso questo blog, per troppo tempo rimasto nell'oblio... ahah!
Oggi vi parlo di una cosa inaspettata, di un incontro che mai avrei potuto solo lontanamente immaginare.
Una sorpresa che mi ha dato immenso piacere e che non so se si potrà ripetere, in futuro!
Dal titolo di questo post, immaginerete che sono stata rapita dagli alieni, e questo giustificherebbe la mia sparizione improvvisa.. ah ah ah!
Ma invece è successo qualcosa di ancor più sconvolgente, e fortunatamente molto più piacevole!
Ieri sera Rosanna mi ha mandato una mail, alla quale in un primo momento, quasi non riuscivo a credere...
E invece, è successo davvero!!!


Oggi ci siamo incontrate nella mia città di origine, Bari, nella quale non vivo più da anni ormai, ma che posso raggiungere agevolmente con il treno, dal paese in cui abito.
Rosanna era di passaggio qui, perchè è partita per una vacanza in Calabria, e si è trovata suo malgrado, a trascorrere la mattinata a Bari, in attesa della coincidenza del treno che l'avrebbe portata a destinazione.
Abbiamo trascorso insieme ben 5 ore, in giro per la città, come due turiste... ah ah!
Era una cosa strana anche per me, e ho avuto l'occasione di guardare la mia città con occhi diversi, perchè da quando abito in un paese di campagna, lontano dalle mie origini, mi mancano anche i più banali punti di riferimento: gli odori, i colori, i suoni, le sensazioni che mi fanno dire, dopo una breve assenza, "sì, questa è Bari, questa è casa mia"!
Odori forti, conservati e tramandati per secoli nell’antico borgo di pescatori...
Volete venire con me, a visitare Bari???
Sedetevi comode, ci saranno molte cose da vedere!
L'odierno centro urbano è costituito dalla città nuova che si estende tra la ferrovia e la costa, con strade a reticolo ortogonale, e dalla città vecchia (la cosiddetta "Bari vecchia"), fra i porti nuovo e vecchio.
Subito fuori della stazione ferroviaria, Bari accoglie i suoi visitatori con una bella fontana, che in alcuni periodi dell'anno, si illumina con i colori dell'arcobaleno.


Dopo un breve tratto, attraversiamo un piccolo parco, "i giardini di Piazza Umberto", dove ha sede l'Ateneo, di fronte al quale c'è la fontana monumentale inaugurata nel 1915 a completamento della costruzione dell'Acquedotto Pugliese.


Piazza Umberto I è la più grande piazza della città. Immersa nel verde, è uno dei luoghi d'incontro preferiti dai baresi.


Il parco è un oasi dove godere il fresco all'ombra delle palme, in pieno centro cittadino!


Oltre i giardini, la strada principale, che noi chiamiamo "il salotto di Bari", è la via Sparano, "zona pedonale" chiusa al traffico,


dove si possono trovare i negozi più lussuosi!!
...come il palazzo Mincuzzi, un piccolo capolavoro di architettura Liberty, edificato nel 1923, che un tempo ospitava un negozio di abbigliamento di alta sartoria.


Oggi, purtroppo, ha perso un pò del suo fascino diventando una filiale Benetton, uno dei marchi italiani di moda per teen-agers...
Siamo entrati per curiosare, io e Rosanna, e abbiamo scoperto che gli interni del lussuoso negozio non hanno nulla da invidiare ai più celebrati atelier parigini!
Infatti, sono dominati da un monumentale scalone e illuminati dalla cupola vetrata che sovrasta l'edificio.


Tutti gli arredi, gli stucchi, le vetrine, le ringhiere in ferro battuto, sono deliziosamente ispirate all'Art Nouveau, noto anche come "stile floreale" o "stile Liberty", che ha caratterizzato i decenni a cavallo tra il XIX e il XX secolo.
Il nome Liberty che si diffuse in Italia deriva dai magazzini londinesi di Arthur Liberty, che esponevano regolarmente oggetti d'arte e tessuti, disegnati in stile Art Nouveau alla fine del XIX secolo.
Molti palazzi del centro città, sono in questo stile.
Molte parole del nostro dialetto, assomigliano al francese... 
Samo stati dominati dai Francesi per diversi anni della nostra storia, subendo il loro fascino ma anche il loro governo...
Orgogliosamente, scherzosamente (ma nemmeno troppo) noi baresi osiamo dire "Se Parigi avesse il mare, sarebbe una piccola Bari"... ah ah!


Le strade del centro di Bari sono una immensa scacchiera, perpendicolari tra loro, quindi è difficile perdersi!
Eppure un tempo non era così...
"Bari inizia il suo cammino verso il progresso nel lontano 1813. Un giorno di primavera venne a farci visita il giovane e sfortunato re, Gioacchino Murat con le sue idee rivoluzionarie e, in una città immobile da secoli, con un tratto di penna e una cerimonia pubblica, decretò la nascita del "nuovo borgo".
All’angolo fra l’odierno corso Vittorio Emanuele e corso Cavour, pose la prima pietra di un modesto fabbricato, vi gettò dentro una gemma, come racconta la leggenda, e disse… "ne faremo una grande e bella città" ... e subito dopo, se ne andò a morire a Pizzo calabro.
Alcuni storici sostengono che fu proprio egli, il giovane figlio di un locandiere francese, a far uscire Bari dal Medio Evo.
A lui è stato intestato il cuore della città, un intero quartiere che all’inizio di due secoli addietro era indicato addirittura con il nome del Re, "borgo Gioacchino", oggi "quartiere Murat".
In realtà, nel 1815 il buon re Ferdinando, tornato a Napoli dall’esilio siciliano, farà proprio il progetto di Murat e come primo atto decreta la ristrutturazione del vecchio convento dei domenicani, odierna Prefettura, già di proprietà del Comune, per fare una sede di rappresentanza del regno.
Furono necessari 15 anni per portare a termine l’opera di restauro e ricostruzione, ma quando il palazzo verrà svelato, nel 1830, i baresi gonfieranno il petto per l’orgoglio: il magnifico edificio della Prefettura, bello e imponente ancora oggi, si ergeva in mezzo al nulla.
Era al centro di una strada sterrata che da una parte finiva in mare, dall’altra nell’appena abbozzato giardino Garibaldi, e di fronte aveva un vasto suolo coltivato a cotone". 
Ecco com'è oggi quella strada sterrata, il grande Corso Vittorio Emanuele II, la strada più ampia di Bari, che attraversa il borgo nuovo, in tutta la sua lunghezza.


In questa via, hanno sede i palazzi del governo della città, ovvero il Municipio di Bari, e la su citata Prefettura.


Di fianco alla Prefettura, questo imponente palazzo rosso, c'è la statua di un altro prestigioso cittadino barese, il compositore Niccolò Piccinni (Bari, 16 gennaio 1728 – Parigi,  7 maggio 1800).
Figura centrale dell'Opera, sia italiana sia francese, della seconda metà del XVIII secolo, egli ha contribuito in maniera determinante allo sviluppo dell'opera buffa.


Naturalmente, la popolazione ha voluto omaggiare il concittadino, dedicando a lui il più antico edificio teatrale della città di Bari, il Teatro Comunale, che fu costruito proprio di fronte alla Prefettura.
Ultimato nel 1854 e inaugurato il 30 maggio dello stesso anno con un'opera di Gaetano Donizetti, nel 1855 il teatro fu intitolato al compositore barese Niccolò Piccinni.


In fondo al corso Vittorio Emanuele, c'è un altro bellissimo palazzo al quale abbiamo dovuto rinunciare, perchè eravamo in ritardo e c'era ancora molto da vedere...
Ma io ve lo mostro lo stesso!
Si tratta del Palazzo Fizzarotti, un esempio della architettura veneziana, con le finestre a bifora e la facciata riccamente intricata, come un antico merletto di Burano.
Edificato su Corso Vittorio Emanuele II e radicalmente ampliato negli anni 1905-1907 da Ettore Bernich e Augusto Corradini, si presenta come un imponente edificio in stile eclettico. 
Molti degli stilemi del romanico pugliese vengono fusi con diverse tradizioni architettoniche. 
La facciata, composta da tre piani in stile veneziano sui quali si apre un leggero loggione colonnato, è un omaggio alla liberazione della città di Bari occupata dai Saraceni, compiuta dalla Serenissima, ossia la Repubblica di Venezia, nel 1002. 
Gli interni, accessibili mediante un suggestivo androne marmoreo, ospitano diverse decorazioni che richiamano l'epoca federiciana, allegorie delle attività economiche della Puglia e simboli esoterici. L'edificio oggi è adibito ad uso residenziale, ma ospita anche un centro polifunzionale con sale per esposizioni.
Questo palazzo mi piace in modo particolare.
Fin da bambina ero affascinata dalla lavorazione a mosaico in oro di alcuni punti sulla facciata, che con il sole sfavillano di luce!


Finalmente, ci siamo avventurati nel centro storico!
Bari Vecchia, è chiusa a est dalle mura che lo separano dal lungomare, e ha un impianto urbanistico medievale.
Il primo edificio importante che si incontra, è il castello Normanno Svevo, sorto intorno al 1131 per volontà di Ruggero il Normanno. Nel 1156 Guglielmo I di Sicilia lo distrusse quasi completamente, ma per volontà di Federico II di Svevia, fu in seguito ricostruito.
Al castello si accede dal lato sud, varcando il ponte sul fossato ed entrando nel cortile tra i baluardi cinquecenteschi e il mastio svevo.


Il possente e grandioso castello consta di due parti distinte: la prima comprendente il mastio, il nucleo centrale di origine bizantino-normanna e trasformato da Federico II tra il 1233 e il 1240.
Ha pianta trapezoidale, con due torri delle quattro originarie. 
La seconda parte ingloba le mura a scarpata, e ha torrioni angolari a lancia che si insinuano sul fossato.
Essi furono aggiunti nel XVI secolo, sui tre lati dalla parte terrestre.



Sul lato Nord, quello marittimo, che confina con la strada del Porto, si possono osservare l'antico portale ora murato, e le graziose bifore della costruzione duecentesca.











Dal castello, una stretta stradina ci introduce al centro della città vecchia.
Imponente e superba, ci accoglie la Cattedrale di San Sabino, con la sua preziosa facciata immacolata, il grande rosone, lo svettante campanile, visibile da ogni angolo di Bari!


La cattedrale è una delle più maestose creazioni dell'architettura romanico-pugliese e fu edificata nella prima metà del XI secolo.
L'interno, con pianta a croce latina a tre navate, presenta un pulpito e un ciborio ricomposti con frammenti originari del XI e XIII secolo e ospita le reliquie di san Sabino e santa Colomba, l'icona della Madonna Odegitria e il rotolo dell'Exultet, anteriore al 1050.


Continuando nel nostro percorso e facendo bene attenzione a non perderci nell'intricato labirinto di strade e vicoli,


caratterizzati da frequenti archi, di costruzione bizantina,


dove spesso si incontrano le anziane donne intente nella produzione delle famose "orecchiette"


simbolo dalla alimentazione di Bari, impastate con semplice semola di grano duro e acqua, e sapientemente trasformate in piccoli gusci che trattengono il gusto del saporito ragù di carne....


.....finalmente arriviamo alla Basilica di san Nicola!
Nella piazza antisante la basilica è stata posta una statua raffigurante il santo, donata dal presidente russo Vladimir Putin.


Vi ho parlato a lungo, tempo fa, della festa del nostro Santo Patrono, e dell'importanza che questo edificio ha per noi, quindi non mi  dilungherò oltre.
Ma lasciate che vi dica che ogni volta che entro in questa chiesa, ne subisco il fascino, e pur non essendo religiosa, nutro profondo rispetto per la casa che raccoglie le reliquie di San Nicola, e che richiama pellegrini persino dai paesi dell'est europeo!
Stamane, come sempre, nella cripta della Basilica, si preparava la Messa per gli ortodossi...


Alle spalle della Basilica, appena fuori le mura che circondano la città vecchia, nella fulgida luce mattutina, si insinua prepotentemente nelle nostre narici il profumo del mare!
L'antica muraglia, che un tempo poggiava sulla spiaggia sabbiosa di Bari, oggi è costeggiata dal lungomare più lungo d'Italia, che in questo tratto è arricchito dal prato punteggiato di palme.
Le mura culminano con il Forte di Sant'Antonio abate, eretto per scopi difensivi.
La data di costruzione non è accertata; tuttavia talune fonti citano il Forte a partire dal XIV secolo. Distrutto dai baresi nel 1463, fu ricostruito nel XVI secolo per volere di Isabella d'Aragona.


Le mura dalla città vecchia oggi terminano con la piazza del Ferrarese, luogo dove anticamente si svolgeva il mercato del pesce, confine tra il borgo antico e quello nuovo, il quartiere Murat.
Caratteristica e suggestiva, specie di sera, poiché da essa è possibile scorgere un mirabile panorama marittimo. 
Recentemente sono state messe alla luce, sotto il basolato della piazza, tracce della via Appia-Traiana, costruita dai romani all'inizio del II secolo d.C.


Il centro storico di Bari pullula di piccole e grandi chiese spesso di poco pregio artistico.
Si alternano a grandi spiazzi, come piazza Mercantile.
Anche questa nel cuore del centro storico, Piazza del Mercantile è una tra le più frequentate e attive piazze della città di Bari. 
Molto visitata, la piazza è ritrovo di molti baresi. 
Inoltre, nella piazza aveva anticamente sede il "Sedile", antico luogo di riunione dei nobili baresi.


Di fianco al Palazzo del Sedile, ancora oggi sorge la "colonna della giustizia", chiamata dai Baresi "colonna infame", a cui venivano incatenati ed esposti al pubblico ludibrio i debitori insolventi, i bancarottieri e i falliti: era, insomma, la gogna cittadina.
Costituito da una colonna di marmo bianco, sormontata da una sfera, e da un leone di pietra, di proporzioni naturali, che le sta accovacciato alla base. Esso porta sul petto un collare con incisa la scritta Custos Iusticiae, ossia custode della giustizia.
Pare che i condannati fossero messi a cavallo di quest'animale, col sedere scoperto e le mani incatenate alla colonna.


Uno uno dei più begli edifici in stile liberty, che si incontrano nel "borgo nuovo" vicino alla piazza del Ferrarese, è il Teatro Margherita, costruito tra il 1912 ed il 1914, nell'ansa del vecchio porto su pilastri fondati nel mare.
Fu il primo edificio realizzato a Bari in cemento armato, e unico in Europa per la particolare costruzione su palafitte. 


Essendo interamente circondato dall'acqua il teatro era collegato alla terraferma da un pontile. L'inaugurazione del teatro con il nome di Kursaal Margherita ebbe luogo con uno scelto programma di varietà, contenente i migliori numeri del Cafè-chantant e diverse spettacolari attrazioni. 
Nella seconda metà degli anni venti, con l'aggiunta del solaio di calpestio, costruito dal Circolo della Vela al di sotto del teatro, e con la successiva colmata del lungomare, il Margherita abbandonò l'aspetto di costruzione sospesa sull'acqua e venne così isolato dal mare.
L'interno, oltre alla sala cinematografica, presenta un ampio salone d'ingresso coperto da una cupola decorata con stucchi e dipinti murali, realizzati da una famiglia di decoratori dell'epoca, i Colonna, e datati 1914, lo stesso anno di apertura del teatro.
Il Teatro Margherita è uno dei teatri storici della città di Bari ed è attualmente in fase di restauro e riconversione in museo di arte contemporanea.


Di fronte al Teatro Margherita vi è "nderr la lanze" uno dei luoghi più affascinanti e romantici di Bari. 
Un piccolo porticciolo preso d’assalto da turisti e baresi, soprattutto nei giorni di festa, dove si possono acquistare il pesce, molluschi, e frutti di mare freschissimi, appena scaricati a terra, dalle barche dei pescatori.
È lì, infatti, sul bel lungomare di Bari, che i barcaioli tirano in secca (nderr) la lancia (la lanz), la piccola barca a remi. 
Ed è chiaro che la barca è piena di pescato: ricci di mare, alici, polpi.
Sono gli stessi barcaioli, che hanno pescato tutta la notte, a improvvisarsi pescivendoli e ristoratori. 


Aprono cozze e ricci di mare, uno dietro l’altro a velocità pazzesca, o sbattono ripetutamente sugli scogli i polpi, rendendoli tenerissimi, e li arricciano su bassi cesti di canna intrecciata, in modo che si possano mangiare crudi, come tutto il resto. 
E poi dicono che il pesce da mangiare crudo, lo hanno inventato i giapponesi... ah ah!!


Il lungomare di Bari fu inaugurato nel 1927. 
Lungo circa 15 km era stato ampliato proprio per collegare la Fiera del Levante (inaugurata nel 1930 e situata a nord di Bari) al resto della città nuova.
Si estende nel primo tratto dal molo del porto nuovo fino alla Piazza Eroi del Mare, aperta sul porto vecchio.
La via segue l'andamento delle vecchie mura della città vecchia, della quale si vedono sovrastare pittorescamente i campanili e le cupole; il tutto offre un ammirevole panorama sul mare. 
A metà del percorso, un passaggio aperto nell'antica cinta muraria mette in comunicazione il lungomare con la piazza antistante la Basilica di San Nicola.


Il secondo tratto del Lungomare si estende da Piazza Eroi del Mare fino in fondo, più a sud, all'uscita della citttà di Bari, assumendo diversi nomi in sequenza.
Lungo il percorso, si incontrano molti palazzi costruiti in epoca fascista, come la Pinacoteca, il Palazzo della Provincia, l'Albergo delle Nazioni, il Palazzo del Comando della III Regione Aerea.


A metà di questo tratto del lungomare, si protende la rotonda....
Con i lampioni accesi, il lungomare di Bari è un luogo molto suggestivo nelle serate estive!


Quasi paralleamente al lungomare, c'è Corso Cavour, una strada alberata luogo di shopping, con negozi dai prezzi più accessibili della più lussuosa via Sparano, di cui abbiamo parlato prima...


In questa via, gli edifici più importanti sono la Camera di Commercio, la Banca d'Italia e il Teatro Petruzzelli...


Il 27 ottobre 1991 un incendio distrusse il teatro Petruzzelli di Bari, il 4° teatro italiano, per grandezza, bellezza e importanza.
Fu una ferita per la città e per tutta la cultura italiana e l'inizio di un'odissea giudiziaria: polemiche e veleni si intrecciano sulle ceneri di un tempio della musica, andato in fumo in una notte.


Sentimmo la terribile notizia alla radio il mattino seguente, con orrore...
Piangevo per strada, mentre mi avvicinavo al Teatro, a vedere lo scempio che era stato fatto per dolo, e che aveva distrutto il massimo luogo di cultura di Bari.
Tutta la popolazione si stringeva lì intorno, ci abbracciavamo e piangevamo...
Il teatro Petruzzelli era il vanto di noi baresi, il simbolo della nostra cultura, e dell'amore per l'opera lirica, che gran parte della generazione di mio padre sentiva con orgoglio.
Il mio caro papà mi ha avvicinato a questa arte, l'arte del "bel canto", molti anni fa...
Una cosa di altri tempi, "fuori moda" per me che ero adolescente, ma che piano piano ho cominciato ad apprezzare e seguire con passione.
La distruzione del teatro fu per me, come per gran parte dei miei concittadini, come aver perso un fratello, fu un dolore immenso!
Eccolo, tornato al suo antico splendore, dopo 18 anni di restauri!


Purtroppo il prezioso affresco sotto la cupola è andato irrimediabilmente perso, ma la cosa importante è che il "nostro" teatro è di nuovo in piedi, risorto dalle ceneri, come la fenice...


Lultimo fiore all'occhiello della mia amata Bari, è lo Stadio San Nicola.
Esso è il maggiore impianto sportivo della città di Bari e della regione Puglia, nonché il 4º stadio più grande d'Italia, intitolato al santo patrono della città a seguito di un referendum popolare.
Fu costruito nel 1987 per ospitare i mondiali di calcio del 1990.
Bari venne scelta come una delle 12 sedi che avrebbero ospitato la manifestazione, ma il vecchio Stadio della Vittoria, ormai cinquantenne, non era più adatto a ospitare una manifestazione di tale importanza.
Si optò quindi per la costruzione di un nuovo impianto, il cui progetto venne assegnato al famoso architetto genovese Renzo Piano.
Egli stesso, diede al nuovo stadio il soprannome di Astronave, per la sua inconfondibile forma estetica moderna.
Vederlo acceso di sera è uno spettacolo, e si può riconoscere anche a kilometri di distanza.
Un grande disco volante, atterrato nella notte!
Così tutto torna, anche il titolo di questo post... ah ah!


E giocando sulle parole, io ho potuto avere un "incontro ravvicinato" con Rosanna, che vive a mille kilometri di distanza da Bari, e miracolosamente, inaspettatamente, con reciproca e grandissima gioia, ho potuto riabbracciarla, dopo due anni dal nostro ultimo incontro.
Abbiamo trascorso una splendida mattinata insieme, poi Rosanna ha dovuto prendere il suo treno.
Ma prima di partire, ha comprato focaccia e calzone di cipolla, per fare il pranzo durante il lungo viaggio... Spero che abbia gradito la breve visita alla mia città.
Buone vacanze!!

E voi? Vi ho annoiato con questo post kilometrico?
Qualcuno starà pensando che forse era meglio se mi avessero rapita gli alieni... vero?? ah ah!!
Grazie, a tutti coloro che hanno avuto la pazienza di leggere fino in fondo!
Se avete voglia di gustare anche voi, i sapori della mia città, potete trovare le "ricette tipiche di Bari" nel mio blog di cucina... oppure, venite a trovarmi a Bari!!

NOTA
Tutte le foto, tranne la prima in cima al post, che è mia, sono state prese in prestito dal web... se qualcuno degli autori fosse contrario alla pubblicazione di esse nel mio blog, mi scriva per favore.
Sarò molto dispiaciuta di doverlo fare, perchè sono tutte molto belle, e rappresentano in modo straordinario la mia città, ma sarò comunque disponibile alla loro rimozione.
Grazie!

13 commenti:

  1. Devo fare anch'io un incontro ravvicinato del terzo tipo co' 'sta guida turistica aliena così ben illuminata!!! :-D
    Sai....io tutta 'sta Parigi a Bari non l'ho mai colta!!! :-D
    Sì sì, ....sei brava a far di una meraviglia la tua città! :-?.....
    ( Scusa il proverbiale antagonismo Lecce-Bari!) ;-)

    RispondiElimina
  2. Caterina, tu ciudad es preciosa, tanto la parte antigua como la moderna...Me necantaria poder ir algun dia a conocerla. Gracias por este post, que me ha hecho aprender algo nuevo hoy...ah! y no, es mejor que hayas vuelto al blog, por supuesto! Un beso

    RispondiElimina
  3. Insomma......ci voleva Rosanna per farti ritornare nel blog!!......siete bellissime.....due turiste spensierate!!
    Chissà quando e se....potrà capitare anche a me...che una di voi mi faccia una sorpresissima come questa che ti ha fatto Rosanna.......
    Io aspetto fiduciosa......sappiate tutte che mi farebbe un enorme piacere....
    Bacioni giganti a tutte e due!!
    Patty

    RispondiElimina
  4. Mamma quanto è bella Bari!Non ci sono mai stata e non la immaginavo così grande e decorata!Bellissima!Molto bello anche il tuo incontro!E' sempre un piacere quando ritorni nel blog!Bacioni,Rosetta

    RispondiElimina
  5. Bon giorno Caterina! It is so good to see you've met Ro in your home town!
    I have enjoyed reading your whole blog post about your city of Bari, it was worth reading it all, thank you so much for sharing! I wish I could visit your country once, I certainly would visit Bari, so much culture and a beauty of a town!
    Un abbraccio, Ilona

    RispondiElimina
  6. Ciao Caterina,
    ho letto con interesse la cronaca di questa bella giornata e il reportage estemporaneo sulla bella città di Bari, ma chissà perchè, ciò che mi rimane più impresso è il pensiero di quella focaccie e di quel calzone alla cipolla...
    Sarà fame?!
    Un grande abbraccio e buone vacanze a Rosanna :-)

    Flora

    RispondiElimina
  7. Che bella città è Bari! Grazie per la bella storia che. Buona cosa restaurasen teatro. Che meraviglia e quanti contrasti! Sono così felice che sei stato con Rossana, e, soprattutto, non sono stati rapiti gli alieni! Un bacione.

    RispondiElimina
  8. Ciao Caterina, un bellissimo reportage della città e anche interessante!Io non ci sono mai venuta a Bari pur avendo amici nelle vicinanze.
    Devo dire a Rosanna quando la incontro che dobbiamo postare anche noi qualcosa sulla nostra città...eh,eh,eh...
    Grazie e un bacione. Manu

    RispondiElimina
  9. grazie di averci preso per mano e condotti per la tua bellissima città!!! la Puglia è stata scenario del mio viaggio di nozze, quindi le tue immagini e le tue parole mi riportano alla mente bellissimi ricordi!! anche culinari: 'burrata' e 'stacciatella' primi tra .....poco romantica?!?! ...forse....ciao ciao franca

    RispondiElimina
  10. I'm so glad you could meet Rosanna, she is such a great woman. thank you for sharing all these beautiful photos of your town.
    Geneviève

    RispondiElimina
  11. Salve Cockerina!
    Complimenti per l'articolo che ho letto tutto d'un fiato!Mi chiedevo se avessi,per caso,ricette tipiche delle tue parti,ovvero di Bari e provincia!Sono appassionato di cucina,oltre che di storia dell'arte.Un saluto da MALASTRANA!Fabio V.Grazie!!!

    RispondiElimina
  12. ciao Fabio, trovi le ricette tipiche di Bari nel mio blog di cucina, il link l'ho scritto proprio alla fine di questo post :)

    RispondiElimina
  13. Che belle! Immagino la tua sorpresa, io sarei felicissima di potervi incontrare!

    RispondiElimina

grazie del tuo commento!
thanks for your comment!
gracias por tu comentario!
Vielen Dank für Ihren Kommentar!
Kiitos kommentoida!
Merci pour votre commentaire!
Obrigado pelo seu comentário!

CIAO!!!!! :))
Caterina

La moderazione dei commenti è stata attivata. Tutti i commenti devono essere approvati dall'autore del blog.

Comment moderation has been enabled. All comments must be approved by the blog author.

La moderación de comentarios está habilitada. Todos los comentarios deben ser aprobados por el autor del blog.

che giorno è?

CHE TEMPO FA???

IL COMPLEANNO DEL MIO BLOG

IL MIO COMPLEANNO

DISCLAIMER

I miei lavori sono opera del mio ingegno e della mia creatività, dichiaro con la presente di non esercitare l’attività del commercio al dettaglio di detti articoli in forma professionale bensì di praticarla in modo sporadico (commercio occasionale) non soggetto quindi alla discipline commerciali contenute nel D. Lgs 114/98 il quale, viceversa, regola le attività di commercio in forma professionale e continuativa. Con la presente dichiaro quindi, ai fini dell’applicazione dell’art. 4 comma 2 lettera h del Decreto legislativo del 31 Marzo 1998 n. 114 di esporre e di porre in vendita, in maniera occasionale e saltuaria, prodotti che sono il risultato e l’opera della mia creatività ed ingegno, che rientrano quindi nell’art. 4 comma 2 del D. Lgs 114/98 e non essere obbligata, di conseguenza, ad iscrivermi in nessuno dei Registri (obbligatori per gli imprenditori commerciali professionali) presso nessuna Camera del Commercio del Territorio Italiano in relazione agli articoli trattati.

Molte delle immagini che vedete qui sono il risultato della mia creatività mentre quelle reperite da internet sono di proprietà dei rispettivi autori. L'utilizzo è a compendio del testo per una maggiore efficacia dell'informazione. Il link dove conosciuto è stato specificato (sia per le immagini che per i testi). Qualora qualche immagine dovesse involontariamente violare il copyright o l'autore ritenesse improprio l'uso, lo comunichi e l'immagine in questione verrà ritirata immediatamente o aggiunto il giusto link di riferimento. L'e-mail è nel mio profilo.

The use of images in this pages is for a better comprehension of texts. All the images are a link. If any pictures are copyright protected, they will be deleted from my blog upon notification.