ciao!!

ciao!!

benvenuto nel mondo dei sogni..

tutti abbiamo un sogno!! il mio è quello di realizzare tutto (o quasi) quello che vedo nella realtà in scala 1:12!!

TU SEI IL VISITATORE NUMERO...

sabato 27 aprile 2013

Uccidi la strega!!

Ciao a tutti!! Come state, tutti bene?
In questo post non parlerò di miniature, ma di un viaggio a ritroso nel tempo.
Se siete interessati, munitevi di una tazza di thè, sedetevi comodi e... immaginate di essere nel Medioevo!!

Il 25 aprile sono stata a vedere una manifestazione folcloristica, in un paese poco lontano da dove vivo.
Si tratta della rievocazione di un periodo buio della nostra storia, un periodo in cui le donne spesso venivano additate come streghe, per il semplice fatto di essere più intelligenti di altre, o di non voler frequentare la Chiesa, oppure per essere disobbedienti alle regole.
Povere donne!!! Oggi sarei una strega anche io.. ahah!
Ma cominciamo dal principio....
Bitetto è un piccolo paese in provincia di Bari, noto per la presenza delle spoglie del Beato Giacomo, un frate laico morto in odore di santità.
Egli visse a Bitetto per circa quarant'anni, fino alla morte, che avvenne verso la metà del 1496.
In circa sessant'anni di vita francescana, ha svolto l'umile e preziosa mansione di cuoco, alternandola con la questua porta per porta, e l'ufficio di ortolano, portinaio e sagrestano. 
Fu famoso per la sua ininterrotta preghiera, che spesso sfociava nell'estasi, e per la sua instancabile carità verso i bisognosi. 
Nonostante fosse vecchio, si prodigò eroicamente per gli abitanti di Bitetto, durante la peste del 1482.
Il suo corpo è rimasto nei secoli intatto e riposa nel Santuario del paese, a Lui dedicato.

Sede Vescovile fino al 1818, Bitetto conserva un pregevole monumento, principale attrattiva del paese: la Cattedrale di San Michele Arcangelo, che è uno degli esempi più puri del romanico pugliese.


L'epigrafe nei pressi del portale rivela che fu edificata nel 1335 da Mastro Lillo da Barletta, su commissione del vescovo Bonocore, che volle ricostruire il tempio della città, nel luogo dove sorgeva la cattedrale più antica. Bitetto fu infatti sede diocesana sin dall'XI secolo.
Orientata secondo l'antico uso con il presbiterio ad est, la cattedrale presenta una severa facciata tripartita da paraste e munita di un grande rosone archivoltato. 
Dei tre portali, quello centrale si connota per un ricco apparato scultoreo: due leoni in pietra, accosciati su possenti mensoloni, reggono colonne dai capitelli a motivi vegetali che sostengono una lunetta con i bassorilievi del Cristo e dei dodici Apostoli. 
Gli stipiti esterni presentano, invece, scene del Nuovo Testamento.


Entrando nel borgo antico, siamo stati subito accolti nella piazza della Cattedrale, da tre graziose donzelle, che vendevano fiori...
I loro abiti non lasciano dubbi, siamo nel Medioevo!!!


Improvvisamente, inaspettatamente, uno strano uccello, forse un trampoliere, si è avvicinato a noi incuriosito, e svolazzando tra la folla, si è fermato a carezzare la guancia di un bambino


Siamo stati affascinati da questa visione e pian piano ci siamo inoltrati nel paese....
In un angolo, un prode cavaliere si appresta a combattere in duello! 
Eccolo che indossa l'armatura, e poi la "cotta", una pesante maglia in ferro, l'elmo e i guanti.
Egli ci guarda minaccioso, meglio lasciarlo stare....


Di fianco a lui, l'armaiolo vende scudi variopinti, ogni stemma rappresenta l'emblema del casato.
I nobili del paese hanno uomini a difesa del loro palazzo, soldati, arcieri e cavalieri.
Qualcuno di loro indossa la tunica del Crociato e parte per la Guerra in Terrasanta.
Molti non faranno mai più ritorno a casa...


Nella sua bottega, un arciere finisce di affilare le punte delle frecce.
Ciascun arco è finemente lavorato a mano, costituito da un lungo listello di legno (solitamente tasso) lungo all'incirca quanto l'apertura delle braccia dell'arciere che doveva utilizzarlo. Talvolta aveva dimensioni anche maggiori.
La misura standard è di circa 72 pollici (182,88 cm).
Un arco di questa misura può scagliare frecce fino a circa 250 metri!!!


Solitamente il dorso dell'arco era ricoperto da uno strato di tendine, incollato al legno con colla animale, il che garantiva potenza e velocità.
Spesso le parti terminali dei flettenti, i puntali o "tips", erano rinforzati in corno.
La corda era solitamente costituita da una treccia composta da due o tre fili di lino, canapa, budello, o anche trine di cavallo, e veniva impregnata di colla.
Alcuni arcieri medievali amavano rinforzare le proprie corde (ne avevano sempre una di scorta durante le battaglie) con capelli femminili, poiché ciò le rendeva più resistenti e faceva in modo che esse non si potessero spezzare.
In qualche caso però succedeva lo stesso, proprio nel mezzo di una battaglia.

Proprio mentre discutevamo di questo, sentiamo urla provenire dalla piazza principale.
La popolazione tutta, al grido di "Strega! Sei una strega, devi morire!!!.. Uccidete la strega!" inveiva contro una ragazza, legata e messa seduta su un sedile di pietra posto sul muro, esposta alle beffe e alla derisione pubblica, bersaglio di verdura e uova marce, che la gente impietosamente le lanciava contro....
Le testimonianze di una donna gelosa di lei, e di un gruppo di malati di peste, hanno confermato che la ragazza è una strega, dedita alla pratica di malefici.
"Ammalia gli uomini del paese!"... "Ha portato la peste nella nostra comunità!"... sono le accuse che le rivolgono.


Il processo alla strega si svolge sul sagrato della Cattedrale, incalzato dalla folla urlante e sadica...
Il Notaio deve accogliere la richiesta di condanna a morte.
A nulla valgono le lacrime della ragazza, che si professa innocente!
Dopo averla crudelmente torturata, incatenata e minacciata di morte, la sventurata decide di confessare, "che cosa" non sa nemmeno lei stessa, ma lo fa solo perchè spera che così sarà presto liberata.
Invece, a seguito della sua "confessione spontanea" la Strega viene condannata al rogo!!
Lì, nella pubblica piazza, davanti a tutti, sotto gli occhi di bambini e frati, crudelmente, ingiustamente.....
La strega è morta, gli appestati sorridono soddisfatti.


Proseguendo nel percorso, che si snoda attraverso le case di pietra del centro storico, 


antiche costruzioni risalenti all'anno mille, impreziosite da scale e logge a bifora,


abbiamo incontrato botteghe di artigiani della terracotta, dai quali abbiamo imparato che le ceramiche venivano decorate con pigmenti naturali, che cambiano colore in fase di cottura.
La polvere rosa diventa blu, mentre quella nera assume gradazioni di verde!
Vedete quei piccoli vasi al centro del tavolo? Sono fatti a mano, al tornio, e sono perfettamente in scala 1:12!!
Naturalmente ne ho comprato un paio, ma ve li farò vedere la prossima volta...


Non poteva mancare il maestro costruttore, che ha fatto il modello in miniatura di un vecchio castello...


... e le sarte, che creavano borse e  portamonete, da piccoli pezzi di cuoio cuciti insieme.


Il fabbro ha battuto il ferro davanti ai nostri occhi, forgiando utensili per i chirurghi, che ricucivano le ferite di guerra senza anestesia...


Molte le bancarelle di mercanti di frutta e verdura, fave e piselli, alimenti presenti sulle tavole dell'epoca antecedente la scoperta dell'America.

Una curiosità: la patata e il pomodoro arrivarono in Europa grazie agli esploratori che, di ritorno dal Nuovo Mondo, portarono con sé questi alimenti sconosciuti agli abitanti del Vecchio Continente.
Infatti, Originari del Cile e del Perù, la patata e il pomodoro giunsero in Europa solo verso il 1500.
Per questo motivo, sono assenti nelle bancarelle di questo Mercato Medioevale.


Il pane, cotto nei forni a legna, è condito rigorosamente con olio di oliva, frutto della terra che circonda il paese e caratterizza le campagne di tutta la mia terra, la Puglia.


Più avanti, abbiamo trovato persino il "postribolo", una casa di infimo livello, adibito a luogo di prostituzione.
Così denominato dal latino "prostìbulum", composto da "pro" (avanti) e "stibulum" (sostare), in riferimento alle meretrici che usavano aspettare la clientela di fronte alle loro case.
Franco non ha resistito alla tentazione e è entrato a... curiosare!!


Le meretrici lo hanno bendato, hanno sussurrato piacevoli frasi alle sue orecchie, baciato, ammaliato.
Ma quando è stata tolta la benda dagli occhi, una amara sorpresa per il mio povero, illuso marito.
Egli ha trovato di fronte a sè un monaco che, con un Crocifisso in mano, gli intimava "Pentiti, peccatore!" ... era chiaramente uno scherzo! ah ah ah!


Giriamo un angolo e ci troviamo faccia a faccia con un possente cinghiale!!!
Naturalmente era solo un trofeo impagliato, ma che spavento però!
Alla fine della serata, stanchi del lungo cammino, ci siamo rifocillati presso il banchetto di un macellaio, 


che arrostiva sulla brace lunghi spiedi, nei quali erano infilzati salsicce di cinghiale e pezzi di interiora, avvolti da budelli di agnello, pasto consueto nel Medioevo.
Ottimo!! Vi consiglio di provare!!!
Abbiamo imparato che l'alimentazione era prevalentemente composta da carne, cereali, verdura, frutta e legumi... povera, ma sana!!



La serata si è conclusa con lo spettacolo di saltimbanchi, menestrelli, giocolieri e sputafuoco, 


uomini in calzamaglia, buffi nei loro costumi, che con lazzi e stornelli, ci hanno salutato e invitato al prossimo evento storico.


La nostra passeggiata nel "tempo antico" si è fermata qui, per ora.
Una esperienza molto bella, alla quale si poteva partecipare indossando costumi medioevali presi a noleggio, per assistere quindi non semplicemente come spettatori, ma come co-protagonisti, quindi parte integrante dello spettacolo stesso!
Peccato averlo scoperto troppo tardi! Mi sarebbe piaciuto indossare uno di quei costumi!
Questa rievocazione storica, chiamata per l'occasione "Mercato Medioevale", ha dato inizio a un lungo periodo di festa, nel paese di Bitetto, a partire dal 25 aprile.
In questo stesso momento, mentre scrivo, stanno suonando tamburi e sparano fuochi d'artificio.
Io abito in un paese molto vicino, e da casa mia si può sentire!!
Uno dei pochi vantaggi di vivere in provincia... ah ah!
La conclusione della festa sarà il giorno 1° maggio, in cui ci sarà la sfilata del corteo storico, alla quale spero di poter assistere.
Questa è la locandina dello spettacolo:


Se avrò la fortuna di tornare lì, vi mostrerò le foto.
Come quelle che avete appena visto qui, potrebbero essere di ispirazione ai miniaturisti che riproducono ambienti in stile Tudor.
Dopo tutto, il periodo è quello.
Or dunque, vi siete incuriositi? 
Se passate da queste parti, non mancate di andare a vedere il corteo storico!!!
Alla prossima, miei gentili "dame e cavalieri".... Auguro a tutti voi la buona sorte, e una felice domenica!!


11 commenti:

  1. Ciao Caterina,
    tutto davvero interessante...
    nel Medioevo anche io sarei stata bruciata viva, perchè le levatrici erano viste come streghe...
    In fondo mi sento molto strega!!!
    un bacio
    Angelina

    RispondiElimina
  2. Hi Caterina! This is a most interesting and informative blog post. I would love to attend such a festival. The witch trial looks very dramatic. It must have been moving to watch. I look forward to seeing your little vases that you purchased. Also, I would love to see a photo of you in the historical procession. Will you be in costume?

    RispondiElimina
  3. Hi Lucille! thanks for your comment.
    no, I was not in costume, I found out too late that you could hire to watch the show.
    I see the parade as a spectator, not as an actor.
    the pots you'll see them in the next post, they are very cute!
    yes, the process was really touching, I felt sorry for the poor witch!
    a kiss

    RispondiElimina
  4. si Angela, purtroppo in quel periodo gli uomini non sapevano spiegarsi il ciclo mestruale e non capivano come mai la donna sanguinasse senza morire!!
    per questo reputavano le donne un mistero e per dominare quello di cui si ha paura si tende a distruggerlo...
    a maggior ragione le ostetriche a modo loro erano streghe perchè aiutavano le donne a partorire, quindi era come se praticassero magia nera.. ah ah povere noi!
    l'ignoranza è una brutta cosa!!
    un abbracione!!

    RispondiElimina
  5. Grazie carissima per questa bella passeggiata........adoro questi posti che ti riportano indietro nel tempo......dalle foto, che sono molto belle, si capisce che è un luogo affascinante.......mmmhhhhh quei vasetti in scala 1/12.......me li sarei comprati tutti!!!......
    Bacioni cara e buona giornata........è Grazie per questo bellissimo post!!
    Patty

    RispondiElimina
  6. Ciao Caterina, mi piace molto il mercato medievale nella città in cui vivo e ci comprai festi casa delle bambole in miniatura, mobili, 3 bambole tutti in scala 1:12. un saluto, Marisa

    RispondiElimina
  7. Interessante, mi piacciono questi post! Brava Caterina!!

    RispondiElimina
  8. Hola Caterina, veo que disfrutaste mucho de esa fabulosa fiesta. Es como transportarse a otros tiempos a traves de tu relato.
    Las doncellitas guapisimas y las minicompras.....deseando verlas.
    Besos

    RispondiElimina
  9. :-D
    Io faccio sogni premonitori e amo i gatti neri... Che dici? Che destino mi avrebbero riservato i simpatici abitanti di Bitetto?
    Per fortuna, oggidì, tutto si risolve in una sana scorpacciata di frattaglie :-)
    Vedo però che il postribolo, anche a distanza di secoli, è sempre un polo di attrazione per i maschi ;-)
    Un caro abbraccio,
    Flora

    RispondiElimina
  10. Wonderful and informative post.

    The wise women will always be persecuted, since we are by nature, tides and moon.

    To be woman.. is to be power ;)

    RispondiElimina
  11. Che forza Caterina!!! Grazie per questo tuffo nel passato... anche se solo pensarci a quel periodo storico mi viene la pelle d'oca... e credo che anch'io avrei fatto da torcia per un bel falò della strega!!! ;o))))
    Mariarita

    RispondiElimina

grazie del tuo commento!
thanks for your comment!
gracias por tu comentario!
Vielen Dank für Ihren Kommentar!
Kiitos kommentoida!
Merci pour votre commentaire!
Obrigado pelo seu comentário!

CIAO!!!!! :))
Caterina

La moderazione dei commenti è stata attivata. Tutti i commenti devono essere approvati dall'autore del blog.

Comment moderation has been enabled. All comments must be approved by the blog author.

La moderación de comentarios está habilitada. Todos los comentarios deben ser aprobados por el autor del blog.

che giorno è?

CHE TEMPO FA???

IL COMPLEANNO DEL MIO BLOG

IL MIO COMPLEANNO

DISCLAIMER

I miei lavori sono opera del mio ingegno e della mia creatività, dichiaro con la presente di non esercitare l’attività del commercio al dettaglio di detti articoli in forma professionale bensì di praticarla in modo sporadico (commercio occasionale) non soggetto quindi alla discipline commerciali contenute nel D. Lgs 114/98 il quale, viceversa, regola le attività di commercio in forma professionale e continuativa. Con la presente dichiaro quindi, ai fini dell’applicazione dell’art. 4 comma 2 lettera h del Decreto legislativo del 31 Marzo 1998 n. 114 di esporre e di porre in vendita, in maniera occasionale e saltuaria, prodotti che sono il risultato e l’opera della mia creatività ed ingegno, che rientrano quindi nell’art. 4 comma 2 del D. Lgs 114/98 e non essere obbligata, di conseguenza, ad iscrivermi in nessuno dei Registri (obbligatori per gli imprenditori commerciali professionali) presso nessuna Camera del Commercio del Territorio Italiano in relazione agli articoli trattati.

Molte delle immagini che vedete qui sono il risultato della mia creatività mentre quelle reperite da internet sono di proprietà dei rispettivi autori. L'utilizzo è a compendio del testo per una maggiore efficacia dell'informazione. Il link dove conosciuto è stato specificato (sia per le immagini che per i testi). Qualora qualche immagine dovesse involontariamente violare il copyright o l'autore ritenesse improprio l'uso, lo comunichi e l'immagine in questione verrà ritirata immediatamente o aggiunto il giusto link di riferimento. L'e-mail è nel mio profilo.

The use of images in this pages is for a better comprehension of texts. All the images are a link. If any pictures are copyright protected, they will be deleted from my blog upon notification.